ropasblog.com

il diario online di Rocco Palmitesta

Mentre aspetto di tornare in America, quella vera, sogno come sarà volare giù verso la California.
Il mio passaporto aspetta di essere interrogato, la mia reflex sogna di fare l’occhiolino al Golden Gate Bridge e i miei occhi immaginano già di esser li, stropicciati dai pugni che mostrano spiragli di immensità sull’oceano Pacifico.
passaporto california

E’ ancora un sogno, spero di addormentarmi al più presto per guardare tutto questo da vicino. Manca poco. Yeah, there is no end to love.

California
Then we fell into the shiny sea
The weight that drags your heart down
Well, that’s what took me
Where I need to be
Which is here, out on Zuma
Watching you cry like a baby
California, at the dawn
You thought would never come
But it did like it always does

All I know
And all I need to know
Is there is no
Yeah there is no end to love

I didn’t call you
Words can scare a thought away
Everyone’s a star in our town
It’s just your light gets dimmer
If you have to stay
In your bedroom, in a mirror
Watching yourself cry like a baby
California, blood orange sunset
Brings you to your knees
I’ve seen for myself
There’s no end to grief
That’s how I know

That’s how I know
And why I need to know
That there is no
Yeah, there is no end to love
All I know and all I need to know
Is there is no
Yeah, there is no end to love

Barbara, Barbara
There is no end to love

Oh oh-oh all I know and all I need to know
Is there is no
Yeah, there is no end to love, whoa oh oh oh
We come and go
But stolen days you don’t give back
Stolen days are just enough

Trovare le parole giuste non è facile ma da qualche parte devo ripartire: qui c’è il mio blog che è casa mia, assieme a casa mia e alla curva nord (ndr), ed ho passato tante ore davanti al monitor cercando di riempire un post bianco con questi segnacci neri. Non ho mai trovato le parole giuste o, più semplicemente, non ne avevo voglia. Bisogna avere voglia di fare le cose basta non arrendersi mai: si arrende solo chi non desidera abbastanza, no?

rocco-palmitesta

Nel bene e nel male bisogna sempre cercare la luce che da la forza di “fare”. Trovare anche una piccola, piccolissima luce può significare aver trovato la felicità. La notizia buona è che la piccola luce possono trovarla tutti, ma solo se la cercano davvero. Anche il fotografo, almeno una volta nella vita, ha passato una notte sulla spiaggia deserta alla ricerca della luna piatta disegnata su un cielo di stelle con bg #000000. I lunghissimi tempi di esposizione servono solo a catturare tutta la luce necessaria per conquistare la luna e le stelle: e anche se a volte è necessario guardare a lungo per “capire”, perché non basta uno scatto e non basta un istante, tu catturerai tutto il cielo stellato che i tuoi occhi vorranno vedere.

L’importante è essere l’artefice della propria vita: il destino lo crea solo chi è in grado di costruirsi una strada e seguirla a testa alta con le proprie idee e il rispetto del prossimo ma prima ancora di se stesso. Il vento in poppa non guasta LOL.

Nella vita non esiste la destinazione, conta solo il viaggio.

Apple pubblica un nuovo video per festeggiare il 30esimo compleanno Mac: interamente girato con iPhone in 10 paesi e 5 continenti in un arco di 36 ore, montato usando solo Mac. Niente spazio pubblicitario milionario per il Super Bowl: solo web, YouTube e condivisione social. Lo spot per il compleanno del Mac è stato diretto da Jake Scott, figlio del celebre regista Ridley Scott. il tutto montato con computer e dispositivi Apple. Nel filmato è possibile osservare l’impiego di Mac, iPhone e iPad per i più disparati compiti in ogni parte del mondo: dal controllo di robot e arti artificiali, passando per la direzione di una orchestra, ai controlli di scavi archeologici, a Pompei in Italia, e molto altro ancora.
30-anni-mac-iphone

Trent’anni fa il Macintosh promise di mettere la tecnologia nelle mani delle persone. Per festeggiare il suo compleanno, questo film è stato girato in tutto il mondo in un solo giorno, interamente su iPhone. Ora i prossimi trenta.

Continue reading

Il mio blog, ahhh… quanto mi sei mancato. Ma negli ultimi tempi sono mancato da tanti posti. Ho vissuto così tante emozioni nell’arco di un mese che oggi vedo il mondo con altri occhi. Trenta candeline sono tante ma, evidentemente, non erano sufficienti per capire la vita. Ho fatto cose che mai avrei pensato, sono salito su aerei senza meta, ho preso catamarani e affrontato l’oceano sapendo che un piccolo guaio avrebbe potuto spegnere tutto. Niente, sono salito ugualmente su quell’aereo e su quella barca e non avevo alcuna intenzione di scendere.

Schermata 2014-01-08 alle 22.51.13
Ho conosciuto persone, le ho conosciute veramente non come quella stretta di mano che incrocio ogni santo giorno. Le ho conosciute per davvero ed è stato bellissimo. E’ bellissimo.

Ora, succede che dopo ogni grande esplosione, dopo ogni grande energia che viene rilasciata, c’è il silenzio, il buio. Adoro ascoltare il silenzio, adoro vedere il buio ma oltre l’esplosione ci sono tanti frammenti impressi nella mente. Ecco, so già che con tutto l’impegno di questo mondo non potrò mai più fare a meno di questi frammenti: toglierne anche solo uno causerebbe una nuova esplosione, forse l’ultima, e, quindi, cerco di prendermi meno sul serio di quanto già facessi e cerco di ridere ancora di più di prima. Facile? Bah, non ne ho idea so solamente che ho capito che la vita è un film lungo che finisce presto.
Goditela ogni giorno.

Make no mistake about people who leap from burning windows. Their terror of falling from a great height is still just as great as it would be for you or me standing speculatively at the same window just checking out the view; i.e. the fear of falling remains a constant.

falling men usa

The variable here is the other terror, the fire’s flames: when the flames get close enough, falling to death becomes the slightly less terrible of two terrors. It’s not desiring the fall; it’s terror of the flames. And yet nobody down on the sidewalk, looking up and yelling ‘Don’t!’ and ‘Hang on!’, can understand the jump. Not really. You’d have to have personally been trapped and felt flames to really understand a terror way beyond falling.